Ilva, Di Maio: “Scriveremo all’Avvocatura dello Stato per verifiche su procedura”

"Prima di affidare azienda a privato devo garantire tutto in regola"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Il governo precedente ha avuto 5 anni per affrontare il tema e me lo ha lasciato con un bando pieno di criticità e un termine molto breve in cui decidere il futuro di 14 mila persone”. Nel frattempo, “la situazione ambientale a Taranto e’ peggiorata”. Lo dice Luigi Di Maio, vicepremier, ministro del Lavoro e dello sviluppo economico in Sicilia.
Ora, aggiunge, “se permettete prima di affidare quella azienda, quei rami di azienda a un privato devo garantire che tutto sia in regola”. “Stiamo scrivendo all’Avvocatura dello Stato– dice ancora- per verificare che tutto sia stato corretto nella procedura. L’Anac ci ha detto che ci sono criticità. Il mio obiettivo è fare in modo che tra 3 anni” non ci ritroviamo con “gli operai sotto al ministero e con 4-5 mila persone in mezzo alla strada”. Quelli di prima, insiste, “il tempo lo hanno avuto e me lo hanno lasciato a me il problema”. Ora “e’ una preoccupazione mia e del governo”.

Ti potrebbe interessare:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»