Vaccini, Codacons: “Non siano regali per le lobby del farmaco”

L'associazione commenta le ultime affermazioni del ministro della salute Beatrice Lorenzin
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

vacc1ROMA – “Sì ai vaccini, no ai regali in favore della lobby del farmaco”. Lo dice il Codacons, commentando le dichiarazioni odierne del ministro della salute, Beatrice Lorenzin. “Il problema non è certo rappresentato dai vaccini, ma dal business che ruota attorno a tale settore- spiega il presidente Carlo Rienzi- L’industria farmaceutica guadagna infatti fior di quattrini grazie alla prassi tutta italiana di somministrare il vaccino pediatrico in soluzione esavalente, laddove la legge prevede l’obbligatorietà solo per 4 vaccini”.

Nello specifico il decreto ministeriale 7 aprile 1999 riconosce come obbligatori l’antidifterite, l’antitetanica, l’antipoliomelite e l’antiepatite virale B. “Tuttavia nelle Asl- commenta il Codacons- anziché informare correttamente i genitori in merito alla disciplina legislativa sui vaccini, viene fornito e iniettato ai piccoli un vaccino esavalente che contiene anche due vaccini facoltativi ossia pertosse ed infezioni da Haemophilus influenzale di tipo b.

Tale pratica comporta un evidente spreco di soldi pubblici a carico del Ssn, pari a 114 milioni di euro all’anno a vantaggio delle multinazionali dei farmaci”. È in questo senso, secondo Rienzi, che ministero e Aifa “devono intervenire- sottolinea- obbligando le aziende farmaceutiche a realizzare prodotti che contengano solo i 4 vaccini previsti dalla legge, vietando l’esavalente che rappresenta uno spreco immane per la collettività e un regalo enorme per la lobby del farmaco”. Il Codacons si mette infine a disposizione “di quei medici che intendano contestare il provvedimento della Federazione degli Ordine dei medici che prevede la radiazione per chi sconsiglia il vaccino, per le dovute azioni legali da intraprendere”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»