NEWS:

L’Italia della spada femminile è campione d’Europa dopo 17 anni. Fiamingo: “Risultato storico”

"Siamo orgogliose d’averlo ottenuto noi, due siciliane e due friulane, che ora puntiamo a Parigi"

Pubblicato:21-06-2024 21:48
Ultimo aggiornamento:21-06-2024 21:49
Autore:

FacebookLinkedInXEmailWhatsApp

ROMA – L’Italia della spada femminile (Alberta Santuccio, Mara Navarria, Rossella Fiamingo e Giulia Rizzi) è campione d’Europa 17 anni dopo l’ultima volta, mentre il fioretto maschile azzurro (Tommaso Marini, Alessio Foconi, Guillaume Bianchi e Filippo Macchi) conquista il bronzo. Regala tante emozioni e altre due medaglie per l’Italia – e sono nove fin qui in totale, con primo posto rafforzato nel Medagliare – la quarta giornata dei Campionati Europei 2024 di Basilea, la prima dedicata alle gare a squadre, con un oro storico e un terzo posto che è figlio di una grande voglia di riscatto.

“Non pareva possibile arrivare a essere team numero 1 del mondo appena qualche mese fa, ci siamo riuscite meritandolo, con il nostro percorso in Coppa, e ci confermiamo lassù vincendo questo Europeo che desideravamo da anni, una gioia immensa per la nostra squadra. È un risultato storico per l’Italia della spada femminile, e siamo orgogliose d’averlo ottenuto noi, due siciliane e due friulane, che ora puntiamo a Parigi”, le parole di Rossella Fiamingo a fine gara, entusiasta e sorridente con le sue compagne.

“Lavoreremo su cosa abbiamo sbagliato in semifinale, perché dagli errori è importante imparare, ma siamo contenti di questa medaglia e orgogliosi della nostra reazione che ci ha portato a disputare un assalto per il terzo posto d’ottimo livello. Conosciamo il nostro valore e vogliamo dimostrarlo sino in fondo ai Giochi Olimpici”, le parole invece di Foconi & co. al termine della competizione.


Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it


California Consumer Privacy Act (CCPA) Opt-Out IconLe tue preferenze relative alla privacy