In Umbria stop all’aborto farmacologico in day hospital, e le donne scendono in piazza: ‘Libere di scegliere’

Parte da Perugia la mobilitazione nazionale a difesa della 194 e della ru486
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Crescono di ora in ora le adesioni alla manifestazione “Libere di scegliere” indetta dalla RU2020 – Rete umbra per l’autodeterminazione – che si terra’ a Perugia oggi alle ore 17 in Piazza IV Novembre. “La manifestazione- spiega la rete di associazioni- nasce dal desiderio delle donne e delle associazioni femministe di mobilitarsi contro la decisione della Regione Umbria di imporre il ricovero di tre giorni per il ricorso alla Ivg farmacologica, che nascondendosi dietro la retorica della tutela della salute delle donne punta a limitare il ricorso alla Pillola RU486.
In piazza a Perugia ci saranno realta’ e donne provenienti non solo da tutta l’Umbria, ma anche dal resto d’Italia, perche’ la battaglia contro la decisione della giunta Tesei ha una valenza nazionale. In Italia solo il 17,8% degli aborti avviene con metodo farmacologico contro il 97% della Finlandia, il 75% della Svizzera e il 66% della Francia”.

RU2020 lancia dunque l’appello ad “una mobilitazione di carattere nazionale che parta dall’Umbria e attraversi le piazze di tutte le regioni affinche’ la Legge 194 venga realmente applicata e alle donne venga concretamente riconosciuto il diritto di scegliere in piena autonomia sul proprio corpo”. Alla manifestazione di Perugia si alterneranno numerosi interventi e testimonianze di donne e ragazze provenienti da tante e diverse realta’ associative umbre e non solo. È previsto anche un flash mob. Le organizzatrici invitano tutte e tutti ad indossare qualcosa di rosso e a portare in piazza fiori, petali colorati e prezzemolo.

La manifestazione si svolgera’ nel pieno rispetto delle normative anti-covid: “Per questo si invitano ancora tutte e tutti le/i partecipanti a venire con la mascherina e a mantenere la distanza di sicurezza di almeno un metro”. Continua intanto la petizione su Change “Vietato l’aborto farmacologico in day hospital, in Umbria. Combattiamo questo scempio”, che ha raggiunto ad oggi quasi 40mila firme. L’evento si potra’ seguire via social su Facebook al seguente link: https://www.facebook.com/events/266096744714745/.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

21 Giugno 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»