Salvini: “Flat tax di 15 miliardi, i soldi ci sono”. Di Maio: “Minaccia di andarsene da un anno”

Per Salvini la flat tax deve essere come minimo 10 miliardi, meglio 15. Il premier Conte: "Ci metteremo attorno ad un tavolo quanto prima e lavoreremo alla riforma delle tasse"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “La flat tax sarà di almeno 10 miliardi, al ribasso. Direi 15 miliardi, i soldi ci sono. Non permetteremo che da Bruxelles qualcuno impedisca la crescita del paese”. Lo dice Matteo Salvini lasciando la Gdf. In un’intervista a un quotidiano, il vicepremier si è detto pronto a far saltare il governo se non dovesse andare in porto la flat tax.

CONTE: QUANTO PRIMA AL TAVOLO PER LA RIFORMA FISCALE

“Non ho avuto il tempo di leggere le interviste sulla stampa italiana, però per quanto riguarda giù le tasse e la riforma fiscale lo diciamo tutti i giorni: abbiamo anche concordato un tavolo istituzionale per lavorare alla riforma delle tasse. Ci metteremo attorno ad un tavolo quanto prima e lavoreremo alla riforma delle tasse”. Così il premier Giuseppe Conte da Bruxelles risponde a Matteo Salvini che in un colloquio con il Corriere della Sera minaccia di lasciare il governo se non si riuscisse a realizzare una significativa riforma fiscale.

DI MAIO: “ANCH’IO VOGLIO ABBASSARE LE TASSE. SALVINI? MINACCIA DI ANDARSENE DA UN ANNO”

Sulla flat tax Salvini “non può dire ‘o mi portate i 10 miliardi o me ne vado’. Anche io voglio abbassare le tasse, lui parla di flat tax, io di abbassamento del cuneo fiscale. E’ un atteggiamento che abbiamo visto più volte. Io voglio abbassare le tasse, ma dobbiamo lavorare seriamente perchè dobbiamo fare una legge di bilancio che deve soddisfare le richieste dei cittadini”. Lo afferma il vicepremier Luigi Di Maio a ‘Un giorno da pecora’.

La prima volta che Salvini minaccia di andarsene? “E’ ormai un anno- aggiunge Di Maio- non mi pare una cosa nuova, è un atteggiamento che abbiamo visto più volte“.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

21 Giugno 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»