La Guardia di Finanza ha scoperto più di 13mila evasori totali

Dati presentati in occasione del 245esimo anniversario dalla fondazione del corpo. Mattarella: "Da Gdf apporto significativo al bilancio dello Stato"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Nel contrasto all’economia sommersa sono stati individuati 13.285 soggetti sconosciuti al Fisco (evasori totali), che hanno evaso complessivamente 3,4 miliardi di Iva. È quanto emerge dai dati della Guardia di finanza dell’ultimo anno e mezzo diffusi in occasione del 245esimo anniversario dalla fondazione del corpo. Inoltre, sono stati verbalizzati 8.032 datori di lavoro per aver impiegato 42.048 lavoratori in “nero” o irregolari.

Sul versante dei danni erariali legati alla spesa pubblica sono state segnalate dalle Fiamme gialle “condotte illecite alla magistratura contabile per circa 6 miliardi di euro, a carico di 8.047 soggetti, mentre sono stati eseguiti sequestri per oltre 107 milioni di euro”.

Sono stati riscontrati 15.976 reati fiscali (principalmente, emissione e utilizzo di fatture false, dichiarazioni fraudolente e occultamento delle scritture contabili) e denunciati 18.148 soggetti. Ammontano a 16.807 le indagini delegate dalla magistratura e ad oltre 9,3 miliardi di euro le proposte di sequestro avanzate. È quanto emerge dai dati della Guardia di finanza dell’ultimo anno e mezzo diffusi in occasione del 245esimo anniversario dalla fondazione del corpo. Le misure patrimoniali eseguite sono pari a 1,5 miliardi di euro, mentre sono 525 le persone arrestate.

MATTARELLA: DA GDF APPORTO SIGNIFICATIVO A BILANCIO STATO

La “repressione del contrabbando, la lotta ai traffici illeciti, alle violazioni in materia fiscale e finanziaria hanno recato un apporto significativo al bilancio dello stato e alla salvaguardia degli interessi generali della nostra comunità nazionale”. Così il presidente della Repubblica Sergio Mattarella in un messaggio inviato alla cerimonia per i 245 anni di fondazione della Guardia di finanza.

CASELLATI: GRAZIE PER LOTTA A MALA PIANTA CORRUZIONE

“Nel giorno che celebra il 245° anniversario della fondazione della Guardia di finanza, rivolgo un saluto affettuoso alle donne e agli uomini delle Fiamme Gialle”. Lo dice la presidente del Senato Elisabetta Casellati nella ricorrenza della fondazione della Guardia di Finanza. Poi, aggiunge: “Da quasi due secoli e mezzo la Guardia di finanza protegge gli interessi e tutela la sicurezza degli italiani e combatte la mala pianta della corruzione, senza mai mancare di apportare il suo contributo anche nelle emergenze nelle quali è chiamata a fornire soccorso e assistenza. A tutti i nostri finanzieri- conclude- va la riconoscenza della Repubblica per il servizio che quotidianamente svolgono, con professionalità, spirito di sacrificio e dedizione, nell’azione di contrasto ai reati economici e finanziari e per la difesa della legalità e della giustizia”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

21 Giugno 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»