Rom, Di Maio: “Non si può fare censimento su base razziale”

Il ministro del Lavoro ospite di Agora' su Rai 3
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Ho sempre detto che il censimento su base razziale non si puo’ fare, a chi dice che lo ha gia’ fatto gli rispondo che il PD non lo prendo ad esempio”.

“EUROPA SI OCCUPI DI LAVORO E POVERTÀ”

“Il pilastro sociale europeo deve essere sviluppato sempre di piu’, l’Europa deve essere un’Europa che si occupa di poverta’ e occupazione”. Cosi’ il ministro del lavoro e dello sviluppo economico, Luigi Di Maio, in collegamento da Lussemburgo con la trasmissione Agora’ (Rai 3) dove ha incontrato la commissaria Ue per l’occupazione e gli affari sociali, Marianne Thyssen. “Credo di aver trovato un interlocutore molto valido con cui potremo lavorare il prossimo anno a sviluppare i nostri centri per l’impiego e arrivare all’obiettivo del reddito di cittadinanza. Le ho spiegato chiaramente -riferisce Di Maio- che questo governo ha un obiettivo: rimettere in piedi i centri dell’impiego e fare il reddito di cittadinanza”.
A chi gli chiede se l’Europa ha chiesto piu’ flessibilita’ per i conti, il vice premier risponde: “Io sono molto cauto sul bilancio dello Stato italiano, ma mi aspetto un grande sostegno dall’Unione europea”.

“LEGGE ZINGARETTI SU RIDERS? LA VOGLIAMO NAZIONALE NON SERVE LEGGE”

La legge di Zingaretti sui riders “e’ una legge regionale, sicuramente mette l’accento sul problema, la nostra ambizione e’ fare una legge nazionale ma l’ambizione ancora piu’ grande e’ che non serva la legge”. Ricorda che sui Riders sono state convocate le multinazionali e si e’ aperto un tavolo “per fare un contratto dei lavori 4.0. Se al tavolo non troveranno l’accordo- avverte il ministro- faremo una legge per tutelare i nostri giovani”.

“CAMBIARE JOBS ACT, HA RESO PRECARI GLI ITALIANI”

“Io voglio combattere la precarieta’, rivedendo il Jobs Act”. Il vicepremier sottolinea che “il Jobs Act ha ulteriormente precarizzato la vita degli italiani”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»