Ecco la “Cosa” di Civati: unire la sinistra, Renzi peggio di Berlusconi

[caption id="attachment_723" align="alignleft" width="300"] P. Civati[/caption] Parte 'Possibile', l'associazione creata
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
P. Civati
P. Civati

Parte ‘Possibile’, l’associazione creata da Giuseppe Civati per rilanciare un percorso unitario a sinistra. Oggi al prima uscita, ma il prossimo appuntamento, al camp di Firenze, sarà quello “insieme a tutti altri soggetti”, ha spiegato Civati chiudendo i lavori dell’assemblea nazionale. “Insisto su una cosa: facciamo un progetto di Governo insieme. Nessuno scrive più i programmi di Governo. Non si usa più. Noi non faremo promesse, ma chiederemo a ciascuno un impegno. Su questo voglio essere molto rigoroso”.

Non sono mancati commenti molti critici nei confronti dell’esperienza del Governo Renzi. “Fanno cose- ha detto- che non erano nel programma e nemmeno in quello di Berlusconi, che non aveva il coraggio di scriverle. Le faceva capire a gesti. Quella su cui si regge il Governo è una maggioranza mostruosa: qualcuno dice che ora potrebbe arrivare anche Verdini. E’ come alle feste. Chi manca? Non è ancora arrivato Denis”.

Infine una stoccata a Grillo. “Il M5s- ha detto Civati- continua con questo andazzo un po’ nazistoide tipo i tweet sui topi e clandestini, o si rimette in discussione per essere interlocutore?”.

 

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»