Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

L’appello di Zaia: “Per i reduci del Covid esenzione dal ticket per sempre”

luca zaia
Il governatore del Veneto propone al Governo di offrire assistenza sanitaria gratuita a vita a tutti coloro che hanno contratto il coronavirus e ne portano i postumi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

VENEZIA – “Chi ha i postumi da Covid per me deve avere l’esenzione dal ticket per sempre, il Covid è bastardo, noi abbiamo avuto pazienti che sono usciti non più deambulanti” e “i postumi di questa patologia possono aver bisogno di cure per tutta la vita“. Lo afferma il presidente della Regione Veneto Luca Zaia commentando l’esenzione del ticket per due anni ai soggetti guariti dal Covid.
“Questo è un appello che facciamo al Governo, noi dobbiamo dare sostegno ai reduci di questa guerra”, conclude Zaia.

IN VENETO L’INCIDENZA SCENDE ANCORA, È ALLO 0,87%

Nelle ultime 24 ore in Veneto sono stati individuati 274 nuovi positivi al Covid, con un’incidenza dello 0,87% sui 31.295 tamponi. I soggetti attualmente positivi sono 11.791 e i ricoverati sono 868, di cui 770 in area critica e 98 in terapia intensiva. I decessi registrati sono 14. “Siamo in zona bianca di fatto ma non di diritto”, commenta il presidente della Regione Veneto Luca Zaia, invitando comunque a “non abbassare la guardia”.

LEGGI ANCHE: Zaia punta a somministrare il richiamo del vaccino ai turisti in vacanza in Veneto

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»