Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Covid, raggiunto l’accordo per il green pass europeo. Sarà sia cartaceo che digitale

mascherina_viaggio_turismo_aeroporto
Il certificato avrà validità per 12 mesi. Previsto un fondo di almeno 100 milioni di euro per offrire tamponi gratuiti a chi attraversa quotidianamente i confini tra Stati membri per studio, lavoro o persone in cura
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Di Alessio Pisanò

BRUXELLES – Il Parlamento europeo e il Consiglio Ue hanno raggiunto ieri sera l’accordo provvisorio per l’implementazione del certificato Covid digitale Ue. Il certificato, disponibile sia tramite applicazione che in formato cartaceo, attesterà se una persona è stata vaccinata, risulta negativa al Covid o immunizzata in seguito alla guarigione dalla malattia. Tale certificato resterà in vigore per 12 mesi, ed è attualmente in fase di testing in alcuni Stati membri, tra cui l’Italia. Gli Stati membri saranno comunque liberi di implementare misure restrittive ai viaggi, come la quarantena all’ingresso, ma devono essere considerate “necessarie alla salvaguardia della salute pubblica”, come chiarito dal relatore dell’accordo, l’eurodeputato Juan Fernando López Aguilar, che ha aggiunto: “Qualsiasi deviazione alla regola sarà eccezionale e sottoposta a delle condizioni: dovrà essere collegata all’evoluzione epidemiologica, scientificamente avverata dai parametri obiettivi dell’Ecdc”. Solo così, secondo Aguilar, “riusciremo a dirimere” la situazione attuale di “arbitrarietà discrezionale degli Stati membri”.

LEGGI ANCHE: Il green pass avrà durata diversa a seconda del vaccino ricevuto. Ecco i tempi

UN FONDO DA ALMENO 100 MILIONI DI EURO PER I TAMPONI GRATUITI

Per incoraggiare ulteriormente la mobilità, la Commissione europea si è impegnata a mobilitare “almeno 100 milioni di euro” per acquistare dei tamponi da effettuare gratuitamente. Di tali test beneficeranno coloro che si trovano ad attraversare quotidianamente i confini tra gli Stati membri, come lavoratori transfrontalieri, studenti, persone in cura presso strutture ospedaliere e caregiver.

LEGGI ANCHE: L’allarme degli esperti sul green pass: rischio frodi e bassa tutela della privacy

L’ATTENZIONE ALLA PRIVACY

Per salvaguardare la privacy dei cittadini, i dati contenuti nei certificati verdi non potranno essere immagazzinati nei Paesi di destinazione. Verrà anche resa pubblica la lista delle entità che riceveranno i dati. “Anche se l’accordo raggiunto oggi non soddisfa pienamente le richieste del Parlamento europeo – ha concluso Lopez Aguilar -, certamente significa un importante miglioramento dello status quo attuale per milioni di cittadini dell’Ue”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»