fbpx

Tg Lazio, edizione del 21 maggio 2020

CORONAVIRUS, NEL LAZIO 21 NUOVI CASI E 15 DECESSI

Nel Lazio sono 21 i nuovi casi di positivita’ al coronavirus, 7 decessi, e 159 guariti. I numeri odierni sono emersi durante la videoconferenza della task-force regionale per il Covid-19 alla presenza dell’assessore regionale alla Sanita’, Alessio D’Amato il quale conferma “un trend è a 0,3%”. Inoltre, ha aggiunto D’Amato, “ad oggi sono stati effettuati 25.371 test sierologici con prelievo venoso e sono risultati con presenza di anticorpi IgG in 590 pari al 2,3% e di questi sono risultati positivi al tampone in 28”.

ROMA. RAGGI: RICANDIDARMI? TANTISSIME COSE DA COMPLETARE

Continuano ad arrivare conferme sulla possibile ricandidatura di Virginia Raggi a sindaco di Roma. A fornire ulteriori indizi sono le sue stesse parole: “Se ho la tentazione di ricandidarmi? Ho la tentazione di completare tantissime cose. Da qui a fine mandato abbiamo ancora tante cose da fare”. Frasi che non sciolgono i dubbi circa un eventuale deroga per il terzo mandato da parte del Movimento 5 Stelle o una corsa in solitaria con una lista civica e per i quali ci sarà ancora da attendere.

CISTERNA LATINA, 27 ARRESTI PER TRAFFICO ILLECITO RIFIUTI

Era il Centro rottami di Cisterna di Latina, sequestrato nell’operazione che ha portato a 27 arresti, – 14 in carcere e 13 ai domiciliari – il luogo in cui finivano anche gli scarti dei roghi tossici che venivano appiccati nei campi rom delle province di Roma e Latina. A finire in carcere, tra gli altri, Leopoldo Del Prete, considerato a capo della struttura e accusato di autoriciclaggio e reati ambientali. L’attivita’ realizzata, e legata al Centro rottami, ha sviluppato a partire dal 2017, un volume di affari illecito di almeno 16 milioni di euro, tutti movimentati con transazioni in denaro contante. Secondo il gip, Nicolò Marino, l’attività illecita coordinata da Del Prete, avrebbe generato “danni consistenti alla salute, all’ambiente all’economia”.

TERREMOTO, DI BERARDINO AD ACCUMOLI: AL LAVORO PER RICOSTRUZIONE

Macerie non rimosse negli edifici sottoposti al vincolo del Mibact e poche domande da parte delle imprese per la ricostruzione. Sono queste le principali problematiche riscontrate dall’assessore regionale alla Ricostruzione, Claudio Di Berardino durante la sua visita di questa mattina ad Accumoli, uno dei comuni più colpiti dal terremoto del 2016. “Come Regione- ha detto l’assessore- stiamo cercando di facilitare al massimo l’iter burocratico e abbiamo impegnato diverse risorse per accelerare la ricostruzione. Quella di oggi e’ stata la seconda visita della settimana. Altre ne seguiranno a giorni”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Guarda anche:

21 Maggio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»