VIDEO | Riaprono i ristoranti a Napoli, lungo applauso a medici e infermieri

Dopo due mesi e mezzo di chiusura i ristoratori del lungomare di Napoli riaprono i battenti insieme e dedicano un minuto di silenzio alle vittime del coronavirus
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print
NAPOLI – Soltanto oggi bar, pub, ristoranti e locali della Campania hanno potuto riaprire al pubblico, con servizio anche al tavolo, le loro attivita’. Lo ha previsto una ordinanza firmata ieri dal governatore della Campania Vincenzo De Luca ed entrata in vigore oggi. Stamattina i ristoratori del lungomare di Napoli, dopo due mesi e mezzo di chiusura, hanno deciso di aprire i battenti insieme, festeggiando questo momento con un lungo applauso che hanno voluto rivolgere a medici, infermieri e sanitari in prima linea nella lotta contro il Covid e dedicando un minuto di silenzio alle vittime del coronavirus. “Siamo pronti a ripartire in sicurezza, rispettando tutte le normative, come abbiamo sempre fatto”, ha spiegato Antonio Della Notte, titolare dello storico Antonio&Antonio. I tavoli sistemati all’esterno sono tutti distanziati di un metro, i camerieri indossano i dispositivi di protezione e i locali sono forniti di gel igienizzante. Stesse normative anche per le sale interne dei ristoranti. Prevista anche la misurazione della temperatura corporea con termo laser. Per il momento non sono ancora tanti i clienti che siedono ai tavoli dei tanti ristoranti e pizzerie del lungomare, ma i ristoratori si aspettano una maggiore affluenza nel weekend e in orario di cena. Per ristoranti e pizzerie non sono previsti limiti orari di apertura, mentre bar e locali della movida dovranno chiudere entro le 23. LEGGI ANCHE: Fase 2, De Luca: “Non ho firmato intesa Stato-Regioni, governo scarica su di noi”
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

21 Maggio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»