Zaia: “Faremo ricorso contro dl zone rosse, assurdo Veneto escluso a posteriori”

LUCA ZAIA POLITICO
La denuncia di Zaia: "Le zone rosse venete sono scomparse con una circolare di errata corrige, una cosa imbarazzante per i veneti e irrituale"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

VENEZIA – La Regione Veneto farà ricorso contro il decreto del governo che stanzia 200 milioni per le prime zone rosse dell’emergenza covid, ma esclude di fatto le aree venete. Lo annuncia il governatore del Veneto Luca Zaia, oggi in conferenza stampa dalla sede della Protezione civile regionale, spiegando quello che è successo. La prima versione del decreto, racconta Zaia, “dimenticava le zone rosse venete. Abbiamo fatto le rimostranze e il decreto è diventato legge con le zone rosse venete inserite a seguito delle nostre rimostranze. È stato bollinato”. Ma poi, “in maniera del tutto irrituale, con una circolare di errata corrige, è stata modificata la legge bollinata e le zone rosse venete sono scomparse“.

LEGGI ANCHE: Zaia: “Fosse per me riaprirei cinema, teatri e centri sociali”

Si tratta di una cosa “imbarazzante e offensiva per i veneti“, continua Zaia, ricordando che le aree interessate in Veneto, oltre a Vo’ Euganeo, sono le province di Padova, Treviso e Venezia, rimaste zone rosse dall’8 marzo al 13 aprile. Quindi “30 giorni”, mentre “il decreto dice che per rientrare nello stanziamento devono essere rimaste zone rosse per almeno tre giorni”. Insomma, “vedrete che questo decreto verrà buttato nel cestino e dovrà essere riscritto”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»