VIDEO | In Somalia la formazione anti Covid si fa con le università italiane

Un seminario online sul nuovo coronavirus animato da esperti e professori di un consorzio di università italiane, dalla Federico II di Napoli fino a quella di Brescia
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Almeno 170 medici e operatori in prima fila nella lotta al Covid-19 stanno frequentando in Somalia un seminario online sul nuovo coronavirus animato da esperti e professori di un consorzio di università italiane, dalla Federico II di Napoli fino a quella di Brescia. “Ieri si è tenuta la lezione sulle malattie polmonari in genere, con un’analisi anatomo-patologica dei danni causati in particolare dal Covid-19 anche a livello cellulare e sistemico” riferisce all’agenzia Dire Guglielmo Giordano, rappresentante a Mogadiscio dell’Agenzia italiana per la cooperazione allo sviluppo (Aics).

“Oggi cominciano invece tre moduli clinico-terapeutici, forse i più attesi, non solo nella capitale ma anche da chi segue collegato nelle postazioni allestite negli altri Stati del Paese”. Il corso è promosso dalla Cooperazione italiana insieme con l’Università nazionale somala e un network di atenei sostenuto dall’Unesco. Secondo Giordano, l’impegno è continuare e approfondire un percorso cominciato anni fa, centrato sul diritto alla salute e sulla formazione.

 

Dal 2015 stiamo sostenendo la rinascita dell’Università nazionale somala, che aveva chiuso dopo la fine del regime di Siad Barre nel 1991″ sottolinea il rappresentante di Aics. “Nel corso degli anni hanno aperto nuovi corsi ed è stato chiesto un aiuto agli atenei italiani, che si sono attivati con un consorzio che coinvolge le facoltà e i talenti migliori”.

Una delle sfide, con il finanziamento dell’istruzione del terzo livello, un impegno distintivo della Cooperazione italiana, “sarebbe dotare la pubblica amministrazione di quadri giovani in grado di rimpiazzare i dirigenti attuali, laureati prima del 1991 e prossimi alla pensione”.

Al seminario stanno partecipando docenti ed esperti di molte università, dalla Sapienza a Roma Tre, da Firenze ai politecnici di Milano e Torino, da Roma Tor Vergata alla facoltà di medicina di Pavia. Non scontata l’organizzazione logistica. “Anche prima del Covid-19, con la Somalia tra i Paesi più colpiti nel Corno d’Africa, c’erano problemi a spostarsi a causa del rischio di attentati terroristici” sottolinea Giordano.

“Per questo è stata affittata una sala conferenze in uno degli hotel più sicuri di Mogadiscio, dove ieri seguivano in presenza 37 persone; collegate poi 43 postazioni in tutta la Somalia, con la partecipazione dei medici in prima fila nelle strutture riconosciute anti-Covid”. Tra queste l’ospedale Giacomo De Martino, edificato dagli italiani durante il periodo coloniale, divenuto centro di riferimento contro il nuovo coronavirus a livello nazionale.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

21 Maggio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»