Dl Imprese, per i prestiti fino a 25mila euro la restituzione sale a 10 anni

CORONAVIRUS, FCA AVVIA LA PRODUZIONE IN SEVEL
Per quelli da 800 mila euro in 30 anni
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Carla Ruocco, Presidente della Commissione di inchiesta sul sistema bancario e finanziario, spiega: “Sono felicissima di poter annunciare che una proposta emendativa al Dl Imprese su cui mi sono battuta molto è stata accolta ed ha trovato il parere favorevole della maggioranza nelle commissioni finanze e attività produttive. Con questa modifica si estende da 6 a 10 anni il tempo della restituzione dei prestiti fino a 25 mila euro erogati con garanzia fino al 100% del Fondo centrale per le Pmi. Inoltre, i tassi di interesse applicati non potranno superare il tasso di rendistato con durata analoga al finanziamento maggiorato dello 0,2%. Ma non è finita qui: grazie ad un altro emendamento riformulato dalla maggioranza, la garanzia pubblica al 100% offerta dal Fondo centrale per le Pmi su prestiti fino a 25mila euro arriverà fino a 30mila mila. Altra novità importante riguarda i prestiti fino a 800mila euro, con garanzia pubblica fino all’80% e quella di Confidi per arrivare al 100%, che potranno essere restituiti in una durata fino a 30 anni. Iniziative legislative di buon senso che vengono incontro alle esigenze delle nostre imprese per consentirgli di ripartire al meglio. E il messaggio deve essere forte e chiaro: lo Stato è con voi!”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»