Boccia frena sugli spostamenti tra regioni dal 3 giugno: “Se ad alto rischio, no”

L'invito è a fare attenzione alla movida: "Rischia di essere un focolaio permanente"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA  – Dal 3 giugno sarà possbile spostarsi da una regione all’altra? Se lo stanno chiedendo in tanti. “Dipenderà dalle condizioni della regione. Se a basso rischio, probabilmente sarà consentito lo spostamento dal 3 giugno. Se ad alto rischio di sicuro non potrà ricevere ingressi da altre regioni“. Lo ha spiegato il ministro degli Affari regionali Francesco Boccia a ‘Mattino cinque’.

LA MOVIDA RISCHIA DI ESSERE FOCOLAIO PERMANENTE

“Lo so che e’ faticoso ragazzi si resta a casa. La movida non è in questo momento non solo tollerabile, ma rischia di essere un focolaio permanente, questo non è accettabile. La sicurezza non è un optional è un obbligo e lo stato interviene. Ai giovani questo bisogna spiegarlo e finora sono stati bravissimi e ora dobbiamo chiedergli l’ultimo sacrificio”, precisa Boccia.

LEGGI ANCHE: VIDEO | Buffet a conferenza stampa, polemiche a Genova

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»