Bonisoli: “Via gli animali dai circhi, è battaglia di civiltà”

"Vogliamo togliere gli ani mali dai circhi perchè non hanno niente a che vedere con la cultura". Il ministro Bonisoli annuncia la battaglia che porterà avanti nei prossimi mesi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Il mio è stato un compito semplice ma di responsabilità perchè il mio compito è custodire e preservare la cultura italiana”. Lo dice il ministro per i Beni e le Attivita’ culturali, Alberto Bonisoli, in conferenza per presentare la fase 2 del governo, osservando che l’Italia è una “superpotenza culturale”.

Parlando delle misure in cantiere il ministro parla della riforma del “fondo unico per lo spettacolo, più di 300 milioni per lo spettacolo, vogliamo ci sia maggiore attenzione al merito e che vadano avanti quelli bravi e non i raccomandati. Dobbiamo- osserva- dare le risorse in anticipo”.

Infine una “battaglia di civiltà che altri Paesi hanno già fatto: dobbiamo metterci davanti a un modo moderno di intendere i circhi. Vogliamo- conclude Bonisoli- togliere gli animali dai circhi perchè non hanno niente a che fare con la cultura e lo spettacolo”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

21 Maggio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»