Palermo, percepiva reddito di cittadinanza ma lavorava in nero: denunciato

L'uomo, che aveva già percepito 300 euro di reddito di cittadinanza, sorpreso dai carabinieri a eseguire alcuni lavori di ristrutturazione
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

PALERMO – Percepiva il reddito di cittadinanza e nel frattempo lavorava in nero. Protagonista un 52enne palermitano, che è stato denunciato dai carabinieri della stazione di Partanna-Mondello e dall’Ispettorato del lavoro al termine di una verifica.

L’uomo è stato sorpreso dai carabinieri a eseguire alcuni lavori di ristrutturazione nella frazione marinara di Sferracavallo per conto di un’impresa. L’uomo aveva già percepito 300 euro del reddito di cittadinanza. Denunciato anche il datore di lavoro.

I carabinieri hanno sequestrato la carta del reddito di cittadinanza, elevando multe per 7.200 euro e ammende per circa sessantamila euro. Al titolare dell’impresa, che secondo quanto riferiscono i carabinieri non era iscritta alla Camera di commercio, è stata notificata la sospensione dell’attività.

Nel corso dei controlli, infine, i carabinieri hanno scoperto l’esistenza di una seconda ditta che impiegava un altro lavoratore in nero. Anche per quest’impresa è scattata la sospensione dell’attività.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

21 Maggio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»