Al Politecnico di Milano nuovo corso di laurea in Agricultural Engineering

L'offerta formativa, unica nel suo genere, risponde alla necessità di creare figure professionali all'altezza delle sfide del domani
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

MILANO – Il nostro obiettivo è formare ingegneri operanti nel settore agro-industriale dotati di una visione sistemistica, ossia un approccio allo studio e alla implementazione di soluzioni applicative basato su una visione complessiva dei vari aspetti multidisciplinari delle filiera tecnologici, agronomici, ambientali, sulla capacità di modellare e gestire le interazioni fra i vari componenti, supportati da conoscenze di base del settore”. Queste le parole di Gianni Ferretti, prorettore del Polo di Cremona del Politecnico di Milano, alla vigilia della presentazione del nuovo corso di Laurea Magistrale in Agricultural Engineering che si terrà il 22 aprile alle ore 15 , in occasione degli Open days Online del polo territoriale di Cremona.

Il nuovo corso, che partirà l’anno prossimo arricchendo l’offerta formativa del Politecnico di Milano, scommette sul settore agricolo e agroalimentare, destinati, in futuro, a giocare un ruolo ancora più rilevante per Italia e l’Unione Europea. L’offerta formativa, unica nel suo genere, risponde alla necessità di creare figure professionali all’altezza delle sfide del domani: Oltre il 90% delle aziende di riferimento del settore che abbiamo coinvolto per progettare questa laurea ha dichiarato che è necessario investire nella creazione di una nuova figura professionale ingegneristica in agricolturaracconta il Filippo Renga, Direttore dell’Osservatorio Smart Agrifood precisando che- il 90% ritiene rilevante o molto rilevante in questo settore la capacità di pianificazione e gestione della supply chain, l’81% le competenze sui modelli di sostenibilità agricola, il 76% la conoscenza delle tecniche di protezione ambientale e sicurezza dei sistemi agricoli, il 74% la capacità di gestire soluzioni di agricoltura 4.0, il 66% la gestione energetica”.

Traversale è dunque il ventaglio di competenze oggi richieste a chi voglia entrare nel settore dell’Agricoltura 4.0, che negli ultimi tre anni, secondo le stime dell’Osservatorio Smart Agrifood 2021, è andato incontro a una crescita pari al 104%. Al fine di formare ingegneri dell’Agricoltura in grado di progettare e gestire sistemi agricoli sostenibili a livello economico ambientale e sociale – in armonia con gli obiettivi della politica agricola comune europea – il corso progettato dal Politecnico approfondirà con i futuri laureati sei diverse macroaree: Scienze agrarie, Tecnologie per la Smart agriculture, Agricoltura 4.0, Scienze e tecnologie Ambientali e Chimiche, Food science e Tecniche per la sostenibilità. Tanti infine, gli sbocchi professionali dell’ingegnere dell’agricoltura: dalle aziende di filiera della produzione agricola e agroalimentare, passando per le società che progettano, sviluppano e realizzano processi, impianti e tecnologie a supporto della produzione, distribuzione e commercializzazione legati all’agricoltura e all’agroindustria, fino agli studi di consulenza per l’ambiente, i centri di ricerca come laboratori pubblici e privati e i dipartimenti tecnici della pubblica amministrazione.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»