Fontana: “Ok dal ministero: da maggio la Lombardia utilizzerà i test salivari molecolari nelle scuole”

tamponi covid
Il governatore ha annunciato l'autorizzazione da parte di Speranza all'uso dei "lecca lecca" per il tracciamento del coronavirus
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

di Marialaura Iazzetti

MILANO – “Da maggio la Lombardia utilizzerà in ambito scolastico i test salivari molecolari sperimentati dall’Università degli Studi di Milano“. Lo annuncia il presidente della Regione, Attilio Fontana. Questa mattina il tema era stato oggetto di chiarimenti in commissione Sanità: la vicepresidente, Simona Tironi, aveva riferito che l’ok da parte del ministero stava per arrivare. E, infatti, a poche ore dalla conclusione della commissione, è stata diffusa la notizia ufficiale.

“Questi test, meno invasivi e più semplici da utilizzare, hanno la stessa validità del tampone nasofaringeo molecolare. Ci consentiranno pertanto di attuare un monitoraggio ancora più accurato della diffusione del virus, senza la necessità di impiegare personale sanitario, che potrà dedicarsi alla campagna vaccinale e alla cura dei pazienti ricoverati e non negli ospedali”, spiega Fontana.
Ieri il ministro della Salute, Roberto Speranza, ha confermato che “tutti i tipi di test già autorizzati in Paesi che fanno parte del G7 possono essere utilizzati anche in Italia”. Il test salivare molecolare attualmente è usato in Francia, Usa e Giappone e da ora anche in Lombardia “in sostituzione del tampone molecolare nasofaringeo”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»