Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Nigeria, studenti universitari sequestrati da gruppo armato

L'attacco dei banditi all'interno della Greenfield University, nello Stato settentrionale di Kaduna. Possibile coinvolgimento di Boko Haram
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Nello Stato di Kaduna, nel nord della Nigeria, una università è stata assaltata da un gruppo di banditi armati che hanno sequestrato “diversi studenti”. Lo ha confermato al quotidiano locale The Standard il capo della polizia locale, Muhammad Jalige, assicurando “aggiornamenti” alle famiglie degli studenti il prima possibile. La Greenfield University, nella città di Kaduna, è un ateneo privato, considerato il più prestigioso dello Stato. In Nigeria il sequestro di studenti di ogni età è un fenomeno frequente e solitamente ne è responsabile la milizia jihadista di Boko Haram, sia a scopo di estorsione per finanziare le proprie attività, sia per avere ragazzi e ragazze da sfruttare come combattenti o per altre mansioni. Secondo l’emittente Bbc, il fenomeno è in crescita e da dicembre non meno di 800 giovani sono stati rapiti, oltre a insegnanti e personale scolastico. Dopo il recente attacco di Boko Haram a tre compound Onu, le Nazioni Unite avevano annunciato la sospensione delle operazioni umanitarie nel nord del Paese africano.

LEGGI ANCHE: Nigeria, dopo il raid di Boko Haram l’Onu sospende le operazioni umanitarie

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»