I ribelli contro la presidenza di Deby jr: “Il Ciad non è una monarchia”

Ciad terroristi
I membri del Front pour l’Alternance et la Concorde au Tchad (Fact) stanno marciando sulla capitale N'Djamena
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Non ci può essere una trasmissione dinastica del potere perché il Ciad non è una monarchia“: è la posizione dei ribelli del Front pour l’Alternance et la Concorde au Tchad (Fact), che ieri a tarda sera hanno comunicato di essere “alle porte” della capitale N’Djamena.

Nel fine-settimana il gruppo è stato coinvolto in scontri con l’esercito nella provincia occidentale di Kanem. Proprio nei combattimenti, stando alla versione dei militari, comunicata ieri, è stato ferito a morte il presidente Idriss Deby Itno. Dopo l’annuncio del decesso, a N’Djamena si è insediato un consiglio militare che ha sospeso il parlamento e nominato capo di Stato ad interim Mahamat Idriss Deby. Trentasette anni, generale a quattro stelle già alla guida della Guardia presidenziale, l’ufficiale è figlio di Idriss Deby Itno, che era salito al potere con un golpe nel 1990.

Il Fact ha avviato la sua offensiva alcune settimane fa a partire da basi situate oltre il confine con la Libia.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»