Bonaccini: “Sulle scuole superiori c’è un problema di trasporti, serviva più flessibilità negli orari”

studenti fermata autobus bologna
Il presidente della Regione Emilia-Romagna non nasconde la delusione per il dl riaperture: puntava sulle lezioni in presenza al 100%
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – Il presidente dell’Emilia-Romagna, Stefano Bonaccini, non nasconde una certa delusione per la mancata riapertura al 100% delle scuole superiori: dal Governo arriverà infatti una soluzione più flessibile con la possibilità di aprire in presenza dal 60% in su dal 26 aprile. Il punto è che “c’è un tema serio che riguarda i trasporti nelle città. Anche facendosi aiutare dai privati, come faremo in Emilia-Romagna, c’è un problema nelle ore di punta”, spiega Bonaccini questa mattina a Skytg24. Però “mi sarei aspettato un po’ più di flessibilità sul fronte scuola- aggiunge- per diluire le ore delle lezioni. Andiamo verso la bella stagione e secondo me serviva una flessibilità negli orari della scuola”.

Dal mondo dell’istruzione, concede il governatore dell’Emilia-Romagna, “pongono questioni certamente legittime, ma si poteva e si potrebbe diluire gli orari, come in alcuni territori accade ristretto ad alcuni orari primo-pomeridiani. Non c’è mica bisogno di arrivare al tardo pomeriggio o alla sera…”. Gli ingressi scaglionati, ragguaglia comunque Bonaccini, “sono presi in considerazione, non credo ovunque nel paese e comunque si potrebbe cercare uno scaglionamento migliore”.

LEGGI ANCHE: Ecco il nuovo decreto riaperture: spostamenti, green pass, scuola in presenza e sport

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»