Coronavirus, Zaia: “La app dovrebbe essere obbligatoria”

Zaia cita i tecnici e dice: "La app funziona solo se viene usata almeno dal 60% della popolazione. Quindi dovrebbe essere obbligatoria"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

VENEZIA – “L’alternativa all’applicazione è mettersi sulla porta dell’ospedale e aspettare che arrivino i malati”. Lo afferma il governatore del Veneto Luca Zaia, oggi in conferenza stampa, tornando a spiegare la sua posizione sull’applicazione che dovrebbe consentire di tracciare i contatti in modo da tenere sotto controllo eventuali contagi da coronavirus.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, Arcuri: “App di contact tracing unica alternativa a limitazioni di libertà”

“Mutuiamo l’esperienza già fatta in Cina ed in Corea”, continua Zaia evidenziando di non avere “nessuna applicazione da promuovere” ma di rifarsi semplicemente alle dichiarazioni dei tecnici, che “scrivono che l’app funziona solo se almeno il 60% della popolazione la usa“. E, per questo, “se fosse individuata un’applicazione a livello nazionale per me dovrebbe essere resa obbligatoria“.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, Speranza: “Dalla app un aiuto alla sanità, ma la svolta è il vaccino”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»