VIDEO | La quarantena dei bambini nelle foto di una madre

Laura Costa, madre di un bimbo di quattro anni e mezzo, lancia un allarme sulle ripercussioni del distanziamento sociale sui bambini
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print
PALERMO – Un reportage fotografico sulla giornata del suo Massimo, un bimbo di quattro anni e mezzo che come tutti i suoi coetanei vive chiuso in casa in virtù dell’emergenza coronavirus, e per mostrare come i più piccoli vivono queste settimane di limitazioni. L’idea è di Laura Costa, madre di Catania che ha condiviso gli scatti con la Dire lanciando anche un allarme sulle ripercussioni del distanziamento sociale sui bambini: “Ho voluto dare voce ai più piccoli – spiega -. Sono dimenticati dal governo e dalle istituzioni. Gli adulti possono uscire da casa per le attività essenziali ma per i bambini non è previsto nulla. I parchi sono chiusi e i bambini sono reclusi a casa da troppo tempo. Stanno perdendo il contatto con la realtà e questo non possiamo permettercelo”. Le foto ritraggono il piccolo Massimo dietro al vetro di casa, con il suo peluche o con una mascherina al volto, oppure al piccolo parco giochi che frequentava prima dell’emergenza Covid-19. “Mio figlio in questi giorni sembra più nervoso e più attaccato a me. Molte altre mamme mi dicono che i loro bambini hanno problemi nel prendere sonno – racconta -. I piccoli sono abitudinari e si stanno adattando a questa nuova realtà privata della scuola e degli altri affetti come quelli dei nonni”. Lo sguardo è poi rivolto al futuro: “Ritornare alla normalità non sarà semplice per noi adulti ma anche per loro. Avranno bisogno di tornare in contatto con la realtà. Soprattutto chi non ha avuto la possibilità della didattica a distanza”.
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

21 Aprile 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»