Ecco i ‘Lombard Bond’, 3 miliardi per finanziare la ripresa “come dopo l’11 settembre”

Come spiega la giunta, questa e' la seconda volta che la Lombardia potrebbe utilizzare questo strumento di finanziamento
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

MILANO – “I tre miliardi per il piano straordinario di investimenti in Lombardia sono previsti a debito utilizzando obbligazioni a seconda della convenienza e del tasso che il mercato offrira’. I ‘Lombard bond’ saranno autorizzati in base alle effettive necessita’ di cassa, come farebbe un buon padre di famiglia”. Lo comunica la Regione Lombardia.

Come spiega la giunta, questa e’ la seconda volta che la Lombardia potrebbe utilizzare questo strumento di finanziamento. Dopo la crisi dell’11 settembre 2001, il successivo 17 dicembre, come spiegano dalla giunta, la Regione decise un piano straordinario per le infrastrutture (i Mondiali di sci, acquisto di materiale rotabile, dissesto idrogeologico). “Nonostante il programma prevedesse 2 miliardi di dollari di emissioni, l’efficiente gestione dei flussi di cassa consenti’ di ridurre l’esposizione ad un solo miliardo“.

Da Palazzo Lombardia ricordano dunque come il primo utilizzo dei lombardbond fu un vero e proprio successo: “Nei primi mesi del 2002 arrivarono richieste di sottoscrizione superiori di oltre il 30% rispetto alle obbligazioni emesse”, e “fu la prima volta al mondo che un soggetto subordinato allo Stato ottenne una valutazione da parte delle principali agenzie di rating (Standard and Poor’s, Fitch, Moody’s) superiore a quella dello stato sovrano. Fu un caso di studio”.

Dopodiche’, “le obbligazioni vennero acquistate da molti fondi di investimento fra cui- fan sapere dai vertici regionali- anche il fondo pensionistico degli insegnanti del Texas”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

21 Aprile 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»