Infarto al miocardio, Gise: “Dati confortanti in tutto il paese”

FIRENZE - Anche in Italia c'è un settore in cui
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

FIRENZE – Anche in Italia c’è un settore in cui la sanità non procede a due velocità. Mentre si chiude a Firenze il secondo appuntamento con Thinkheart with Gise, da cui è giunto il dato positivo di una nazione in cui grazie alle performance in tempestività e qualità delle cure i centri di emodinamica sono in grado di abbattere il numero di decessi per infarto al miocardio, un secondo dato emerge come confortante: l’incremento delle angioplastiche coronariche primarie (triplicate in Italia rispetto a 15anni fa: nel 2016 sono state 35.355) è omogeneo su tutto il territorio.

Come emerso durante l’evento Gise, se la media italiana è di 558 angioplastiche primarie per milione di abitanti, tra le regioni che superano tale media di riferimento ci sono anche Sicilia (652) e Abruzzo (677) mentre Calabria (568) Puglia (549) sono appena leggermente sotto la media, a conferma del generale trend positivo di sistema.

“La raccolta dati condotta negli anni da Gise ha permesso di monitorare l’attività dei centri e agli stessi emodinamisti di misurarsi, consentendo l’autoregolazione del sistema”, ha dichiarato alla Dire il presidente di Gise, Giuseppe Musumeci, “La novità che abbiamo voluto importare è stata quella di mettere i dati a disposizione dei decisori politici e degli amministratori e questo è avvenuto per la prima volta lo scorso anno. Grazie alla raccolta dati, il sistema ha potuto, quindi, abbastanza riequilibrarsi: è vero che esistono ancora alcune differenze tra le regioni, ma il divario tra Nord e Sud in emodinamica non è così marcato rispetto ad altre discipline. La possibilità di misurarci attraverso i dati ci ha permesso di mettere in atto interventi specifici anche sull’emergenza. In Italia nel caso di angioplastica primaria la mortalità è oggi appena del 5%: se fatta entro le 6 ore è estremamente efficacie e nel nostro Paese 2/3 dei casi vengono gestiti entro questa soglia. Ciò significa che il sistema funziona”.

di Walter Gatti, giornalista professionista

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»