Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Renzi: “Saremo quarti nel G7 nel rapporto cooperazione/Pil”

L'Italia e' risalita nel rapporto tra fondi per la cooperazione internazionale e il Pil. E l'obiettivo è di arrivare in quarta posizione prima del 2017
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

matteo renziROMA  – L’Italia e’ risalita nel rapporto tra fondi per la cooperazione internazionale e il Pil. E l’obiettivo del governo e’ di arrivare in quarta posizione nei paesi del G7 prima del vertice del 2017 che si terra’ in Italia la prossima primavera.

“Certo la cooperazione internazionale ha visto negli anni scorsi un crollo della presenza italiana a cui abbiamo cominciato a porre rimedio con la legge sulla cooperazione“, spiega il presidente del consiglio Matteo Renzi nel corso di un punto stampa a New York.

“Ma ho ricevuto il messaggio del viceministro Giro, che gia’ mi dava un recupero. Nel rapporto tra cooperazione e Pil eravamo settimi nel G7. Allora io ho detto che non possiamo arrivare al G7 di maggio 2017 in quella posizione. Dobbiamo arrivare almeno quarti. E Giro mi ha spiegato” che dopo la legge “siamo gia’ sesti. Ma siamo convinti di poter tornare a meta’ classifica in questa graduatoria”. Il presidente del consiglio aggiunge: “La cooperazione italiana e’ di grandissima qualita’ e la stragrande maggioranza investe l’Africa che e’ un tema strategico anche su altri fronti”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»