Regione, Pantonin: “Riparte il confronto con la delegazione trattante”

fvgTRIESTE - "Entro la fine di questa settimana il nuovo presidente della Delegazione trattante inviterà le Organizzazioni sindacali di categoria
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

fvgTRIESTE – “Entro la fine di questa settimana il nuovo presidente della Delegazione trattante inviterà le Organizzazioni sindacali di categoria del Comparto per l’avvio del tavolo negoziale e per fissare il calendario e le modalità dei lavori“. Lo comunica l’assessore regionale alle Autonomie locali del Friuli Venezia Giulia Paolo Panontin, che oggi a Udine ha incontrato, assieme al direttore generale della Regione Roberto Finardi, la Delegazione trattante pubblica di Comparto alla cui presidenza è stato chiamato l’avvocato Luca Tamassia.
L’assessore Panontin ha sottolineato che nel corso della riunione odierna sono state analizzate le direttive a suo tempo comunicate alla stessa Delegazione trattante, oltre che essere stati discussi alcuni degli aspetti emersi in questi ultimi mesi: in particolare le esigenze relative alle Unioni territoriali intercomunali (Uti).
Infine l’assessore Panontin ha voluto ringraziare il nuovo presidente della Delegazione trattante, Luca Tamassia, “per aver accettato questo incarico, che ci consentirà di affrontare le delicate fasi di partenza delle Uti, forti – ha concluso – della sua decennale esperienza in materia”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»