L’Ordine dei giornalisti segnala ‘L’Unità’

Il presidente dell'Ordine rende anche noto che i legali del M5s non hanno presentato una denuncia querela solo dopo le sue scuse
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ODG SEGNALAZIONE L'UNITàROMA  – Sarà valutato dai consigli disciplinari il comportamento de ‘L’Unità’ sul caso Raggi. (Leggi qui)

“Lunedì il segretario dell’Ordine nazionale, Paolo Pirovano, ha invitato i Consigli regionali della Toscana e del Lazio ad attivare i consigli territoriali di disciplina per una valutazione deontologica di azioni e omissioni”. Ne da’ notizia il presidente dell’ordine dei giornalisti Enzo Iacopino a proposito del caso Unita’-Raggi. Pirovano (come si legge nell’allegato) segnala “per opportuna conoscenza e per quanto eventualmente di competenza, le modalita’ di trattazione da parte del sito l’Unita’.tv della notizia, poi smentita dall’interessato, relativa alla partecipazione della candidata a sindaco di Roma del Movimento Cinque Stelle, Virginia Raggi, al video elettorale di un altro partito nel 2008”.

Iacopino replica anche direttamente al direttore dell’Unita’ Erasmo D’Angelis e spiega “di avere ricevuto una telefonata da uno dei legali del M5S che mi riferiva che avevano preparato una denuncia-querela, con tanto di pesante citazione per danni, e che avevano deciso di non presentarla dopo le scuse pubbliche che avevo indirizzato alla signora Raggi”. Il presidente dell’Ordine dei giornalisti sottolinea di non aver rivelato prima questo particolare “non per dare lezioni di giornalismo (non mi sento all’altezza e, in ogni caso, sceglierei allievi disposti al confronto e non depositari di ogni sapere), ma per una esigenza morale e per un dovere di buona educazione”. Iacopino conclude: “Erasmo D’Angelis, se puoi, ‘stai sereno'”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»