Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Valigie e camici bianchi, flash mob dei neolaureati in Medicina al Miur

ROMA - Camici bianchi, valigie, e
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

flash mob giovani mediciROMA – Camici bianchi, valigie, e striscioni. Un gruppo di studenti neolaureati in Medicina si è radunato davanti al Ministero della Pubblica istruzione a Roma, in viale Trastevere, per un flash mob di protesta “contro la poca chiarezza” riguardo al bando che dovrebbe uscire a fine mese sulle borse di studio per i corsi di specializzazione.

“Al momento, a meno di 10 giorni dall’uscita del bando- hanno affermato i manifestanti- non si sa nulla. Siamo circa in 12mila che parteciperanno al concorso di specializzazione e da quel che sembra le borse di studio non basteranno nemmeno per 3mila di noi. Tutto questo è inaccettabile, saremo costretti a andarcene da questo Paese in massa“. E, a tal proposito, lungo lo striscione ‘Senza borsa via di corsa’ si sono allineate alcuni ragazzi in camice bianco, ognuno con un cartello con indicato il nome di una nazione diversa. Gli aspiranti specializzandi con valigie e fagotti, una volta arrivati in Italia, sono stati quindi respinti, causa mancanza di borse di studio, e si sono diretti verso altre più ‘accoglienti’ mete. I manifestanti hanno quindi letto in coro il giuramento di Ippocrate in due versioni, quella originale e la versione Fnomceo 2007.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»