Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Salvini: “Se avessi detto ciò che ha detto Draghi mi avrebbero arrestato”

matteo Salvini
Il leader del Carroccio parla del ruolo in Europa alla scuola di formazione politica del partito
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Avrete sentito, venerdì sera nella conferenza stampa, che Mario Draghi ha detto che se le istituzioni europee funzionano e danno risposte bene, altrimenti facciamo da soli. E Merkel l’ha detto prima. Ecco, lo avesse detto Salvini sarei stato arrestato in flagranza reato per sovranismo“. Matteo Salvini, segretario della Lega, lo dice alla scuola di formazione politica del partito. 

“Ma fortunatamente lo hanno detto Merkel e Draghi e quindi è un ragionamento di buon senso e pragmatismo e interesse nazionale”, dice Salvini. 

“Siamo entrati in questo governo non perché è cambiata la Lega ma perché la Lega ha l’ambizione di cambiare l’Europa rimettendo al centro l’Italia e gli italiani”, prosegue il segretario della Lega, e “quindi sentire quelle parole del mio presidente del Consiglio venerdì sera, a differenza di qualcun altro che fino a qualche tempo fa avrebbe seguito indicazioni Bruxelles o Berlino o Parigi, adesso c’è una persona seria, autonoma e indipendente che mette al centro l’Italia e gli italiani”, e “ricordiamo il blocco dell’export di vaccini, e se lo avessimo fatto noi…”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»