Morto Gianni Mura, storico giornalista di Repubblica

Aveva 74 anni. Deceduto per arresto cardiaco
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Si e’ spento all’eta’ di 74 anni Gianni Mura. Storico giornalista di Repubblica e scrittore, Mura e’ venuto a mancare all’improvviso per un attacco cardiaco. E’ morto all’ospedale di Senigallia (Ancona). Ha scritto pagine importantissime della storia dello sport italiano.

PANCALLI: “ADDIO GIANNI MURA, GRANDE MAESTRO”

“Ho appreso con profonda tristezza la notizia della scomparsa di Gianni Mura. Il nostro Paese perde un maestro di giornalismo e un intellettuale colto e raffinato. La sua penna ci ha raccontato con intelligenza e sensibilita’ tante imprese sportive facendole entrare per sempre nel cuore degli italiani. In questi giorni difficili rileggeremo le sue pagine per ritrovare quella forza di spirito di cui abbiamo tutti bisogno. Voglio esprimere alla sua famiglia, alle persone a lui care e alla redazione di Repubblica la mia vicinanza e quella di tutto il movimento paralimpico”. Cosi’ in una nota Luca Pancalli, presidente del Comitato Italiano Paralimpico.

MURA, SPADAFORA: “È ENTRATO NELLA STORIA DELLO SPORT ITALIANO”

“È scomparso Gianni Mura, una delle penne piu’ belle del giornalismo italiano. Ha raccontato gli eroi dello sport nel corso di generazioni, riuscendo a coglierne le sfumature e i colori. Ed insieme a loro e’ entrato nella storia del movimento sportivo italiano. Sono diverse le sue citazioni passate alla storia, trovo questa particolarmente efficace: ‘Da cinquant’anni sento dire che la simulazione fa parte del gioco. Non e’ vero: fa parte dell’imbroglio, esattamente come truccare le carte o pilotare gli appalti’. Un richiamo all’onesta’ al mondo dello sport che non si puo’ non estendere alla nostra societa’”. Cosi’ in una nota il ministro per le Politiche giovanili e lo Sport, Vincenzo Spadafora.

 

(Foto da Flickr Associazione Amici di Piero Chiara)

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

21 Marzo 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»