“Bucci infame”, scritte sul muro sotto casa del sindaco di Genova

Non è la prima volta che il primo cittadino viene preso di mira sui muri della città. Sulla vicenda indaga la Digos
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

GENOVA – “Ruffiano coi ricchi, bullo coi misci. Bucci infame”. E’ la nuova scritta comparsa questa mattina sulla facciata del palazzo in cui abita il sindaco di Genova, Marco Bucci, in via Alessi, nel quartiere di Carignano.

L’insulto è stato vergato nella notte con vernice nera e sull’episodio indaga la Digos.

Non è la prima volta che Bucci viene preso di mira dalle tag sui muri della città. Il mese scorso, in compagnia di “Salvini infame” e “Toti bottegaio”, il sindaco era stato apostrofato col termine genovese “belinon”. Anche questa volta, il richiamo in dialetto locale: ‘misci’ in genovese significa poveri. La frase, ricorda l’emittente televisiva Telenord, potrebbe fare riferimento all’episodio della “strage di multe” di qualche settimana fa proprio sotto casa del primo cittadino, fermata dallo stesso Bucci non senza scatenare parecchie polemiche.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

21 Marzo 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»