Siria, Baghouz vicina alla liberazione: gli edifici raccontano la vita dell’Isis

"L'Isis resterà e crescerà": questo recitano i muri di Baghouz, la città roccaforte del gruppo armato Stato islamico nel nordest della Siria
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “L’Isis resterà e crescerà”: questo recitano i muri di Baghouz, la città roccaforte del gruppo armato Stato islamico nel nordest della Siria, e che le Forze democratiche siriane (Sdf), sostenute dalle truppe curde (Ypg), sono riuscite a riconquistare. A darne notizia sono i cronisti del quotidiano online ‘Asharq Al-Awsat’, che hanno compiuto un sopralluogo nella città dove un tempo vivevano 60mila civili.

I reporter confermano lo stato di devastazione della città, quasi completamente distrutta per via della guerriglia. Ora ai jihadisti resterabbero poche centinaia di metri quadrati nelle campagne, sulla riva orientale del fiume Eufrate.

Secondo la nota testata digitale, i muri degli edifici raccontano la resistenza dei miliziani. Molte le scritte che “sfidano” l’iniziativa dell’Sdf/Ypg ed esaltano lo Stato islamico. Ma le ‘insegne’ di negozi e ristoranti dicono anche altro: rendono conto delle diverse nazionalità dei combattenti, segno che l’adesione al messaggio del califfo Al-Baghdadi ha ottenuto davvero risonanza internazionale.

Il proprietario del ‘Fallujah Store’ ad esempio secondo la testata araba proveniva dall’Iraq, mentre la clinica del dottor Abou Mohammed al-Sudani apparteneva probabilmente a un medico sudanese. E se il ristorante ‘Maakoulat al-Sham’ era probabilmente diretto da un damasceno, l’agenzia di cambio ‘Al-Zeituna’ doveva essere iniziativa di qualcuno di origine maghrebina.

Intanto, la battaglia prosegue: secondo l’Osservatorio siriano per i diritti umani (Sohr), oltre mille membri dell’Isis si sono arresi. Le truppe arabo-curde continuano tuttavia a perlustrare tunnel e trincee nei dintorni della città a caccia degli ultimi covi dei miliziani. Sempre secondo il Sohr, 12 miliziani ieri hanno preferito farsi esplodere piuttosto che consegnarsi alle truppe dell’Sdf/Ypg.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»