La proposta del Centrodestra: “La Camera al M5S, a noi il Senato”

In un comunicato, i leader del centrodestra lanciano una proposta di apertura alle altre forze politiche: le vicepresidenze anche ai gruppi non rappresentati
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “I leader del centrodestra che si sono riuniti oggi a Roma si fanno promotori di un percorso istituzionale nella definizione degli assetti parlamentari a partire dalle presidenze di Camera e Senato, che coinvolga tutte le forze politiche. Il centrodestra propone quindi ai gruppi parlamentari un comune percorso istituzionale che consenta alla coalizione vincente (il centrodestra) di esprimere il presidente del Senato e al primo gruppo parlamentare (il Cinquestelle) il presidente della Camera, riconoscendo nel contempo in ciascun ramo del Parlamento un vicepresidente a ogni gruppo parlamentare che non esprima il presidente“. È quanto si legge in un comunicato congiunto diffuso da Silvio Berlusconi, Giorgia Meloni e Matteo Salvini al termine del loro incontro a palazzo Grazioli.

Poi: “Confidiamo che una tale proposta così rispettosa del voto degli italiani possa essere accolta positivamente da tutte le forze in campo. A tal fine, anche per concordare i nomi dei presidenti e dei vicepresidenti di Camera e Senato, i leader del centrodestra invitano i rappresentanti delle altre forze politiche ad un incontro congiunto nella giornata di domani”.

SALVINI: LEGA RINUNCIA A SENATO PER FAR PARTIRE PARLAMENTO

La Lega è “pronta a rinunciare” alla presidenza del Senato “se questo serve a chiudere un accordo e a far partire il Parlamento”. Lo afferma il leader della Lega Matteo Salvini, interpellato a palazzo Madama al termine dell’assemblea dei senatori leghisti.

“Non si fanno nomi e cognomi- aggiunge- abbiamo sancito un principio, ovvero che ogni partito rappresentato in Parlamento abbia una funzione tra presidenti e vicepresidenti. Significa anche per la Lega rinunciare a qualcosa. Spero nessuno si tiri fuori”.

M5S: NON VOTEREMO PERSONE INDAGATE O SOTTO PROCESSO

“Vogliamo dare il via a questa legislatura, per questo ci siamo confrontati e continueremo a farlo con tutte le forze politiche. Allo stesso tempo però non veniamo meno ai nostri principi, per cui non voteremo persone indagate o sotto processo. Gli italiani hanno bisogno di risposte ai loro problemi, concentriamoci su quello”, così la capogruppo alla Camera Giulia Grillo.

PD: NON PARTECIPIAMO A INCONTRI CON ESITI GIÀ SCRITTI

“Il PD non può partecipare a incontri i cui esiti sono già scritti. Se c’è già un accordo sulle presidenze da parte di qualcuno è bene che chi l’ha fatto se ne assuma tutta la responsabilità”. Si legge così in una nota del Partito Democratico.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»