Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Amazon Prime rincara: dal 4 aprile costerà 36 euro

Le reazioni del mondo del web
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA –  Il colosso americano dell’e-commerce ha deciso di aumentare di quasi il doppio il costo di Amazon Prime. Se finora i clienti avevano potuto godere dei numerosi vantaggi derivanti dalla sottoscrizione di questo abbonamento pagando solo 19.90, dal 4 aprile 2018 dovranno sborsare quasi il doppio per avere lo stesso servizio: 36 euro. Esisterà però la possibilità di sottoscrivere un abbonamento mensile al costo di 4,99. Un’offerta conveniente però solo nel caso in cui si decida di utilizzare Prime per un breve periodo di tempo.

Per chi volesse risparmiare c’è tempo fino al 4 aprile per abbonarsi: in quel caso il prezzo fino ad aprile 2019 resterebbe bloccato a 19.90. Lo stesso vale per chi ha già un abbonamento Amazon Prime che si rinnoverà automaticamente entro il 4 maggio.

Intanto il mondo del web si divide tra chi si mostra indignato per il notevole rincaro e chi invece trova che 36 euro sia un prezzo adeguato al servizio offerto. I vantaggi di questo abbonamento sono infatti molteplici, tra questi la consegna in 24h senza spese di spedizione e la possibilità di vedere numerose serie tv senza costi aggiuntivi.

Gente che compra iphone da 1300€ ma poi 36€ all’anno sono troppi #AmazonPrime

— Simone (@DebiruS) 21 marzo 2018

AUMENTI IN VISTA PER AMAZON PRIME!!!!
SI PASSA A 36€ ANNUALI
Amazon Ancora una volta non si smentisce oltre a chiudere tutti gli account e non permettere più recensioni adesso aumenta anche il servizio #AmazonPrime
Credo proprio che in tanti rinunceranno voi cosa ne pensate?

— lucia di tommaso (@lucia7007) 21 marzo 2018

Quando tutti si lamentano di #AmazonPrime ma tu te ne fotti perché non lo hai mai sottoscritto. pic.twitter.com/ra5GJAFYGQ

— eccoda (@eccoda) 21 marzo 2018

hai capito.. Da 19 a 36 euri#amazonprime pic.twitter.com/fydwQM0bu3

— federica (@_f_e_d_e_) 21 marzo 2018

Spero che il sig. Bezos utilizzi il maggior introito derivante dall'aumento dei prezzi per pagare salari più congrui ai suoi lavoratori-schiavi #AmazonPrime

— ilbonni (@lametabasta) 21 marzo 2018

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»