Francia, Macron e Le Pen vincono la prima sfida tv

ROMA - Primo di tre dibattiti televisivi ieri sera, in
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Primo di tre dibattiti televisivi ieri sera, in Francia, in vista del primo turno delle elezioni presidenziali che si svolgerà il 23 aprile, e a cui seguirà il ballottaggio il 7 maggio. A confronto i cinque candidati: Francois Fillon, scelto per rappresentare gollisti e conservatori, Marine Le Pen, candidata del Front National, Emmanuel Macron del movimento En Marche, il socialista Benoit Hamon, il leader della sinistra alternativa, Jean-Luc Melenchon. Confronto politico teso, tra scandali – riguardanti Fillon e Le Pen – nazionalismo e antieuropeismo, sicurezza, economia e occupazione, politica estera.

Secondo un sondaggio di Elabe, realizzato subito dopo la trasmissione della Tf1, Macron sarebbe stato il più convincente, seguito dalla Le Pen. Sono questi i due candidati che sembrano avere maggiori chances di giungere al ballottaggio. Nel frattempo la Francia deve affrontare un nuovo scandalo politico. Il ministro dell’Interno, Bruno Le Roux, è stato convocato per oggi dal premier Bernard Cazeneuve per rispondere delle notizie diffuse dai media secondo cui avrebbe impiegato come sue assistenti parlamentari le figlie minorenni. Il ministro ha spiegato che si trattava di lavori estivi, “utili per il curriculum”, retribuiti però per un totale di 55mila euro.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»