Rio 2016, presentata la ciclopedalata Roma-Olimpia-Atene

Il 21 aprile a Olimpia i ciclisti si uniranno alla cerimonia di accensione della fiaccola olimpica per poi ritrovarsi allo stadio Panatenaico nella capitale greca
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ciclopedalata roma_olimpia_ateneROMA  – “La bici nella mia vita è sempre presente e sempre bella, fino ad adesso non mi ha dato mai un dispiacere“. Quasi una dichiarazione d’amore per le due ruote a pedali, quella di Cinzia Coluzzi, insegnante, atleta, non vedente che si unirà alla “ciclopedalata” Roma-Olimpia-Atene, al via il prossimo 16 aprile e presentata oggi alla stampa nella cornice dello Stadio Pietro Mennea.

Tra i 32 cicloturisti che aderiscono all’iniziativa, età media 64 anni, ci sono 4 non vedenti, che pedaleranno in tandem. Il viaggio in bicicletta partirà da Roma e, percorrendo prevalentemente la Via Appia Antica, arriverà fino al porto di Bari, dove i 32 si imbarcheranno alla volta della Grecia.

Il 21 aprile a Olimpia, i partecipanti alla pedalata si uniranno alla cerimonia di accensione della fiaccola olimpica per poi ritrovarsi, due giorni dopo, allo stadio Panatenaico nella capitale greca. Alle 8 tappe, che copriranno una distanza di circa 1200 km, si unirà anche Annunziato Pellegrini, “nostro capitano, ragazzo di 81 anni” come lo definisce Andrea Perugini, presidente di “Pedalando nella storia”, associazione organizzatrice dell’evento, a cui ha collaborato anche ACSI (Associazione Nazionale Sport, Cultura e Tempo Libero).

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»