Ue, Boldrini: “Se vogliamo fermare la disgregazione, raccontiamo i vantaggi”

L'Europa "sta attraversando il momento forse più critico del suo cammino di integrazione"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Laura BoldriniROMA  – L’Europa “sta attraversando il momento forse più critico del suo cammino di integrazione”. Lo sottolinea la presidente della Camera, Laura Boldrini, intervenendo alla presentazione del Rapporto 2016 dell’Associazione italiadecide che è presentato nella Sala della Regina di Palazzo Montecitorio.

“Certo- osserva Boldrini- l’Europa merita critiche per l’assetto intergovernativo paralizzante, i danni sociali causati dalle politiche di austerità, l’incapacità dell’Unione a trovare soluzione condivise sui richiedenti asilo. Ma se vogliamo frenare la preoccupante tendenza alla disgregazione e alla sfiducia nei confronti dell’idea stessa di Unione Europea, dobbiamo anche raccontare i vantaggi che i cittadini del nostro continente hanno avuto e hanno dal processo di integrazione: il periodo di pace più lungo della storia europea, la libertà di circolazione nell’area Schengen, il progetto Erasmus, i fondi strutturali, la vigilanza sulle politiche di rispetto dell’ambiente e sulle garanzie dei cittadini in materia di giustizia, solo per fare alcuni esempi. Questo non è poco, e se abbiamo il dovere di migliorare la nostra Europa, abbiamo anche il dovere di ricordare quanto ci ha dato”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»