M5s, Lezzi: “Non mi vedo da nessuna altra parte, continuerò a ricorrere”

Si tratta di una "vicenda turbolenta e amara", dice Lezzi, "io voglio restare nel M5S, lo amo e non mi vedo da nessuna altra parte".
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “In questo momento c’è molto disordine nella governance M5S”, ad esempio “il comitato di garanzia è presieduto da Crimi che da qualche giorno non è più capo politico”. Barbara Lezzi, senatrice M5S tra gli espulsi causa ‘no’ alla fiducia al governo Draghi, lo dice a ‘In Mezz’ora in più’ su Rai3.

Si tratta di una “vicenda turbolenta e amara”, dice Lezzi, “io voglio restare nel M5S, lo amo e non mi vedo da nessuna altra parte“, quindi “continuerò a lavorare e a ricorrere”.

LEGGI ANCHE: M5s, Cabras: “Io espulso, nessun ricorso perché qualcosa può nascere”

“NO FUSIONE AMBIENTE-SVILUPPO, M5S NON HA CONTROLLO”

Nel governo Draghi, continua Lezzi, “non c’è stata la fusione tra i ministero dello Sviluppo economico e dell’Ambiente” nel ministero della Transizione ecologica chiesto da Beppe Grillo, e “non c’è la difesa delle nostre conquiste perché non abbiamo né il ministero della Giustizia né del Lavoro”, con “solo 4 ministri su 23 e due soli con portafoglio”. In tutto ciò “il M5S non ha il controllo su recovery plan“, mentre “il nostro obiettivo era non cederlo a altri partiti”, e “di fatto c’è stata questa cessione”.

La cosa è rilevante, “non avendo avuto il superministero” della Transizione ecologica, e “tenendo conto che all’ambiente vanno circa 70 miliardi” del Next Generation Eu, “se ci fosse stato, la visione sarebbe stata ‘molto M5S’, invece non c’è”, dice Lezzi. Poi, “la riforma fiscale volevamo farla, ma come facciamo a farla insieme alla lega e Fi?”, si chiede la senatrice. Certo, con la Lega il M5S e’ stato al governo, “ma eravamo maggioranza relativa”, dice Lezzi.

“CHIESTO DI RIPETERE VOTAZIONE, MAI DETTO QUESITO TENDENZIOSO”

Lo statuto M5S, aggiunge Lezzi, “dice che la votazione si può ripetere entro 5 giorni dalla prima consultazione”, quindi “l’ho detto ma non ho avuto risposta dal comitato garanzia, né io né i miei colleghi“.

Lezzi spiega di ritenere il voto su Rousseau “sacro” e di non aver mai detto “che il quesito fosse tendenzioso” ma che “la previsione che è stata inserita nel quesito non si è avverata”, cioè “la fusione tra lo Sviluppo economico e l’Ambiente”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»