Coronavirus, due persone in isolamento a Piacenza: una ha sintomi

In corso gli accertamenti sulle persone entrate in contatto con il 38enne risultato positivo nel lodigiano. Chiusa l'azienda dove lavorava
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

BOLOGNA – Sono al momento due i piacentini in isolamento dopo essere venuti in contatto col cosiddetto paziente ‘0’, il 38enne lodigiano risultato positivo al coronavirus. A dirlo è la Regione Emilia-Romagna, spiegando che al momento è “ricoverata in isolamento nel reparto di malattie infettive dell’Ospedale di Piacenza una donna, sintomatica, collega del paziente ‘0’ all’Unilever di Lodi: è atteso l’esito del tampone esaminato nel laboratorio di riferimento regionale del Sant’Orsola”.

Oltre alla donna è in isolamento, in questo caso però domiciliare volontario, l’infermiere triagista piacentino che ha accolto il 38enne al Pronto Soccorso di Codogno, nel lodigiano.

“Vive solo- precisa la Regione Emilia-Romagna- e benché asintomatico, gli è stato eseguito il tampone”.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, sei casi confermati in Lombardia, 250 persone in isolamento. Il ‘paziente zero’ negativo ai test

Sono inoltre state messe sotto sorveglianza sia la Unilever di Lodi sia la Mae di Fiorenzuola d’Ara a Piacenza, le due aziende che in maniera diretta o indiretta sono entrate in contatto negli ultimi 20 giorni con il paziente ‘zero’, il 38enne lodigiano risultato positivo al Coronavirus.

Per entrambe le imprese, spiega la Regione Emilia-Romagna, “sono già stati attivati i protocolli ministeriali previsti”. Alla Mae in particolare, dove lavora il manager che a fine gennaio ha cenato col paziente ‘0’, il titolare ha deciso per oggi di chiudere l’azienda in via prudenziale.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, l’italiano rientrato dalla Cina forse non è il ‘caso zero’

“Il dipartimento di Igiene pubblica dell’Ausl piacentina ha già contattato il medico competente della Mae- spiega la Regione- per avviare la vigilanza sui lavoratori dell’azienda. Se il dipendente Mae, rientrato dalla Cina il 21 gennaio e già negativo al tampone, dovesse essere negativo anche agli ulteriori accertamenti, l’approccio verrà modificato di conseguenza“. Per quanto riguarda la Unilever, invece, la gestione “è in capo alla Regione Lombardia”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

21 Febbraio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»