FOTO| VIDEO | Lanciato a Milano ‘No Plastic Challenge’, il social game Ami-Soslog

Concerto-evento 'Un mare d'amare' con Beppe Vessicchio
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Si è tenuta presso la Casa d’Aste Finarte in Via Paolo Sarpi a Milano ‘Un mare d’Amare‘, iniziativa di sensibilizzazione sui problemi del mare, sul marine litter e sul ruolo dei processi di logistica e trasporto, promossa da Ambiente Mare Italia (Ami), in collaborazione con SOS-LOGistica-Associazione per la Logistica Sostenibile.

L’evento è stato patrocinato da Fondazione Cariplo, Commissione Europea, Comune di Milano e ha avuto il sostegno di Confetra-Confederazione generale italiana di trasporti e logistica. Beppe Vessicchio e la sua orchestra, Simona Gandola e Andrea Rizzoli in un incontro fatto di musica, arte e testimonianze di esperti, ha voluto ispirare i partecipanti ad agire concretamente e sin da subito, contribuendo con azioni di riduzione dell’uso della plastica (e del packaging in carta, cartone, plastica), a partire dalla riduzione-sostituzione della plastica mono-uso.

IL PROGETTO ‘NO PLASTIC CHALLENGE’

La serata è stata, infatti, l’occasione per presentare ‘No Plastic Challenge’, progetto pensato con l’Università Bicocca di Milano e finanziato dalla Fondazione Cariplo, che mira a coinvolgere cittadinanza ed esercenti con le loro filiere per la riduzione delle emissioni nocive e della plastica, per il recupero dei rifiuti dispersi nell’ambiente e, non ultimo, per la tutela della biodiversità. La strategia del progetto vede il coinvolgimento di aziende, strutture ricettive, esercizi commerciali e tutta la cittadinanza attraverso un vero e proprio gioco che porterà a una progressiva riduzione dell’utilizzo della plastica monouso grazie all’introduzione di materiali alternativi alla plastica. Un vero e proprio cambiamento comportamentale, studiato grazie all’aiuto del dipartimento di Psicologia dell’Università di Milano-Bicocca che presidierà le analisi dei dati raccolti presso i consumatori partecipanti ai challenge e gli esercenti aderenti al progetto e collaborerà per la realizzazione e la verifica di efficacia delle attività di gamification e delle iniziative di ‘change-making’.

IN COSA CONSISTE LA SFIDA

Si potrà giocare scaricando l’applicazione dedicata che comprenderà anche uno strumento di ricerca mediante il quale si potrà trovare il locale plastic free più vicino a casa o al luogo di lavoro. Gli esercizi commerciali aderenti all’iniziativa, che risulteranno più virtuosi avendo raggiunto il punteggio più alto, riceveranno il diploma di ‘attività ecosostenibile’. Potranno giocare anche i cittadini che, dopo aver scaricato l’applicazione, saranno guidati a seguire alcune azioni specifiche per guadagnare dei punti, che potranno essere spesi all’interno degli esercizi commerciali che hanno aderito all’iniziativa.

CHI PARTECIPA AL SOCIAL GAME

Obiettivo del social game ‘No Plastic Challenge’ è il coinvolgimento di almeno 2.500 esercenti che ridurranno o elimineranno l’uso della plastica e milioni di cittadini che orienteranno più responsabilmente i loro consumi, anche per partecipare ai vari contest che periodicamente verranno attivati.
Ambiente Mare Italia, con la consulenza delle società informatiche, si occuperà della gestione del social game e del challenge e del coinvolgimento degli esercizi commerciali mentre SOS-LOGistica sarà primariamente responsabile delle attività di formazione sui temi della logistica sostenibile e della green supply-chain e della realizzazione delle iniziative di ‘change-making’.

BOTTI (AMI): “SCESI IN CAMPO A MILANO PER COSTRUIRE COMUNITÀ NO PLASTIC”

“Più che un gioco, più che una sfida, più che un’iniziativa di sensibilizzazione globale, ‘No Plastic Challenge’ rappresenta l’occasione di creare una comunità di cittadini, imprenditori ed esercenti responsabili e sensibili alla tematica della riduzione dell’uso della plastica monouso- ha dichiarato Alessandro Botti, presidente di Ambiente Mare Italia- La vicinanza del Comune di Milano, della Commissione europea e del Parlamento europeo attestano che sta partendo in Lombardia una grande operazione ecologica che potrà poi essere esportata in altre realtà territoriali”.

SOS -LOGISTICA: “ELIMINARE LA PLASTICA DAL PUNTO VENDITA NON BASTA”

“SOS-LOGistica nella sfida no plastic challenge si impegnerà per informare gli esercenti e i consumatori sulla complessità delle filiere logistiche- ha dichiarato il presidente di SOS-LOGistica, Daniele Testi– Eliminare la plastica dal punto di vendita non basta: se ignoriamo i processi che stanno dietro alla consegna dei prodotti rischiamo solo di spostare il problema sui magazzini dei punti vendita, ovvero sugli anelli più deboli della filiera”.

 

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

21 Febbraio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»