Bologna, Salvini: “La partita per il 2021 è aperta. Un civico? C’è tempo…”

Di Lucia Borgonzoni, sconfitta alle regionali di gennaio, dice: " Basta, povera Lucia, l'abbiamo candidata ovunque, lasciamola riposare un po' dai"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – “Bologna nel 2021 è una partita già persa stando ai dati delle regionali? Non ci sono partite già perse, tranne il derby per il Milan. Le altre sono tutte aperte, parlando dei problemi e della bellezza della città, delle sue opportunità. Coinvolgendo e allargando i confini del centrodestra. L’abbiamo visto alle elezioni regionali: più persone si coinvolgono e meglio è. Candidiamo Borgonzoni? Lasciamola riposare un po’, dai…“. Lo dice Matteo Salvini parlando a margine di un’iniziativa a Casalecchio, sul distaccamento locale della Polizia stradale di via Bazzanese considerato a rischio.

LEGGI ANCHE: Prodi: “Con un civico Salvini in Emilia-Romagna avrebbe vinto. Il Pd? Cambi ora o mai più”

Continua il leader leghista sulla sfida delle comunali l’anno prossimo: “Siamo già al lavoro non solo su Bologna, perché nel 2021 non c’è solo Bologna ma ci sono anche Torino, Milano, Roma, Napoli. Stiamo già incontrando gente in gamba. Candideremo dei civici? Manca un anno e mezzo, non ho la sfera di cristallo. Dove ci sono uomini o donne della Lega in gamba puntiamo su di loro, se c’è qualcuno della società civile che si fa avanti è il benvenuto. L’identikit del candidato di Bologna? Quello di uno che vince. La Borgonzoni? Basta, povera Lucia, l’abbiamo candidata ovunque, lasciamola riposare un po’ dai”.

LEGGI ANCHE: Conte: “Il grande sconfitto è Salvini, ha perso referendum su di lui. Citofono? Indegno”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»