Coronavirus, disposta la quarantena obbligatoria dopo i casi di Lodi

La decisione del ministro della Salute Roberto Speranza e del premier Giuseppe Conte
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – A seguito della riunione mattutina del comitato tecnico scientifico che ha approfondito le segnalazioni di nuovi casi di Coronavirus Covid-19, il ministro della Salute, Roberto Speranza, ha provveduto “ad emanare una nuova ordinanza”, che “prevede misure di isolamento quarantenario obbligatorio per i contatti stretti, con un caso risultato positivo“.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, tre casi confermati in Lombardia. Alle 12.30 conferenza stampa della Regione

L’ordinanza dispone “la sorveglianza attiva con permanenza domiciliare fiduciaria per chi è stato nelle aree a rischio negli ultimi 14 giorni, con obbligo di segnalazione da parte del soggetto interessato alle autorità sanitarie locali”. È quanto fa sapere in una nota il ministero della Salute.

CONTE: DISPOSTA QUARANTENA DOPO CASI LODIGIANO

“Abbiamo certificato questi tre nuovi casi di coronavirus nel lodigiano. Il ministro Speranza ha adottato una nuova ordinanza, che dispone la quarantena obbligatoria per tutti coloro che sono venuti a contatto con questi pazienti certificati positivi e la sorveglianza attiva, cioè il contatto costante con i medici con possibilità di domiciliazione fiduciaria, per tutti coloro che negli ultimi 14 giorni sono stati in aree a rischio“. Lo dice il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, parlando da Bruxelles.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»