Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Aggredisce con arco e frecce coppia di poliziotti: Arrestato

L'insolita aggressione è avvenuta ad Albano. Il fermato un romano di 57 anni
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – E’ accaduto lunedi’ scorso ad Albano. S.A., romano di 57 anni e con vari precedenti di polizia, ha atteso l’arrivo a casa di una coppia di agenti della Polizia di Stato. Al loro rientro, riuscito ad entrare nell’edificio, li ha aggrediti fisicamente colpendoli con pugni. Con l’ausilio dei colleghi del locale commissariato, richiesti in soccorso, sono riusciti a bloccare l’aggressore accompagnandolo negli uffici di polizia dove il S.A. ha continuato a minacciare di morte la coppia di agenti accusandoli di avergli fatto sequestrare un’autovettura.

Nella circostanza, i poliziotti gli hanno sequestrato i guanti che indossava ed un paio di forbici e poi, dopo la denuncia, lo hanno rilasciato. L’uomo pero’, non contento, e’ tornato a casa, ha imbracciato un arco con tanto di frecce e si e’ appostato sotto l’abitazione della coppia di poliziotti in attesa del loro rientro a casa. E, mentre la donna aveva gia’ fatto rientro nell’appartamento, il compagno stava tornando a casa in compagnia di un collega libero dal servizio del commissariato di Marino.

Parcheggiata l’auto, hanno subito notato l’aggressore che, nascosto dietro ad un palazzo osservava con attenzione l’abitazione della coppia. Quando i due agenti hanno cercato di bloccarlo, questo gli ha puntato l’arco con una freccia gia’ armata nel tentativo di colpirli ma, grazie all’ausilio di una pattuglia del commissariato di Albano, arrivata poco dopo, sono riusciti a bloccarlo e ad arrestarlo.
Condotto in commissariato per gli accertamenti di rito, l’uomo ha continuato ad aggredirli e a proferire epiteti ingiuriosi. S.A., al termine della attivita’, e’ stato tradotto presso il carcere di Velletri: dovra’ rispondere di tentato omicidio, resistenza, minacce, lesioni a pubblico ufficiale e porto abusivo di armi. Perquisita l’abitazione infatti, gli agenti hanno trovato pistole, revolver, pugnali, coltelli, spade, manganelli telescopici, oltre a numeroso munizionamento.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»