Emilia-Romagna, tortellini, lambrusco e Dante sulle monete da collezione

monete celebrative emilia-romagna
Il ministero dell'Economia e delle Finanze e l'Istituto poligrafico e Zecca di Stato hanno presentato la nuova collezione numismatica, che conterrà 15 soggetti ispirati a storia, arte, sport, scienza, natura ed eccellenze gastronomiche italiane
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – Il tortellino e il lambrusco (ma non solo) da un lato, il 700esimo anniversario della morte di Dante Alighieri dall’altro. Tocca anche l’Emilia-Romagna la nuova collezione numismatica 2021 presentata oggi dal ministero dell’Economia e delle Finanze e dall’Istituto poligrafico e Zecca dello Stato: 15 soggetti ispirati a storia, arte, sport, scienza, natura ed eccellenze enogastronomiche italiane.

Per quanto riguarda la moneta a tema enogastronomico, su una faccia le decorazioni comprendono una bottiglia di lambrusco, le Due torri di Bologna, un galletto simbolo della Romagna, il rosone del Duomo di Modena e l’Arco di Augusto di Rimini; sul rovescio compaiono i tortellini, un mattarello, uno spicchio di parmigiano con il tipico coltellino, un uovo, un calice di lambrusco e un piatto decorativo ispirato alla ceramica di Faenza. “Anche le monete sono una grande occasione per far conoscere il nostro Paese e le sue eccellenze”, sottolinea Alfonso Pecoraro Scanio (presidente della fondazione UniVerde) presentando i soggetti a tema enogastronomico.

La moneta dedicata a Dante, invece, propone un profilo del poeta tratto da un’opera di Sandro Botticelli e, sul rovescio, i nove cerchi dell’inferno con una raffigurazione delle ali del diavolo, del fuoco e del ghiaccio, più la scritta “e quindi uscimmo a riveder le stelle”. Un’iniziativa “non solo opportuna ma anche di qualità artistica innegabile”, sottolinea Alessandro Masi, segretario generale della Società Dante Alighieri. La collezione ha raggiunto “un perfetto equilibrio tra storia, cultura e arte, tra tradizione e modernità- dichiara Paolo Aielli, ad del Poligrafico e Zecca dello Stato- ma allo stesso tempo rompe gli schemi, proiettandosi nel futuro della numismatica italiana, con tematiche sempre più aderenti alla cultura dei nostri tempi”.

LEGGI ANCHE: Evento all’Archiginnasio di Bologna per i 60 anni di Paolo Fresu

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»