A Bologna apre il garage per le startup ‘sociali’ di Fondazione Carisbo

garage fondazione carisbo
Inaugura in Santa Viola il Big, Boost innovation garage, uno spazio multifunzionale di 1.400 metri quadrati che ospiterà imprese creative a vocazione sociale
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – Uno spazio multifunzionale di 1.400 metri quadrati attrezzato per ospitare 110 postazioni coworking, quattro box uffici privati, tre sale riunioni, una sala workshop, una sala eventi da 110 posti e ambienti comuni, compresa un’area cucina. A Santa Viola, a metà strada tra Il Mast e la Fondazione Golinelli, la Fondazione Carisbo, assieme a Techgarage, inaugura Big, Boost innovation garage. Si tratta di un ‘garage tecnologico‘ che ospiterà a rotazione, in collaborazione con operatori specializzati come Primomiglio e Sefea SGR, dPixel, imprese innovative, digitali, a vocazione sociale, alle quali fornire ingredienti indispensabili per la crescita: servizi di coworking, attività di mentoring, supporto ai processi di ricerca e sviluppo, favorendo connessioni e opportunità di confronto con investitori e partner industriali sensibili ai temi dell’open innovation. La prima call è stata lanciata solo pochi giorni fa in collaborazione con Nesta Italia e dPixel: Tech solutions for social innovation sfida startup emergenti di tutta Italia per la realizzazione di progetti sociali innovativi grazie all’uso delle tecnologie digitali.

Le proposte dovranno incentrarsi sulla risoluzione di sfide sociali in quattro ambiti (lavoro, salute, educazione, sostenibilità ambientale), attraverso progetti che pongano l’accento sui bisogni delle comunità locali e siano in grado di proporre soluzioni in cui le tecnologie digitali sono messe al servizio delle persone. Verranno selezionate fino a 15 startup che potranno così accedere ad un Bootcamp di accelerazione di 6 giorni dentro Big.

UNA COMMUNITY DI STARTUP, TALENTI, INVESTITORI E ISTITUZIONI

Con questo progetto pluriennale, Casa Saraceni vuole contribuire alla crescita dei giovani e alla creazione di opportunità di lavoro, aggregando e configurando nello stesso contesto una community di startup, talenti, freelance, investitori e istituzioni, che ha come obiettivo la creazione di imprese ad elevato impatto. “A causa della recrudescenza dell’emergenza Covid-19, purtroppo, abbiamo dovuto rinunciare all’inaugurazione istituzionale in programma a novembre. Avremmo voluto rimarcare la nostra volontà di contribuire al consolidamento della nostra città e della nostra regione ai vertici delle classifiche nazionali per numero di startup, attraverso la messa a sistema di competenze e conoscenze con focus sull’innovazione”, spiega il presidente della Fondazione Carisbo, Carlo Monti. “La Fondazione ha deciso di dotarsi di una realtà concreta basata in un luogo fisico che potesse diventare un abilitatore e un amplificatore di efficacia per le diverse realtà del territorio. Con i nostri partner creeremo un ecosistema per lanciare opportunità di formazione, di lavoro e accompagnare startup. Faremo dialogare diversi soggetti profit e non profit interessati all’innovazione inclusiva connettendo lo spirito filantropico al venture capital e ai nuovi strumenti di finanza ad impatto sociale”, precisa il segretario generale Alessio Fustini.

LEGGI ANCHE: Evento all’Archiginnasio di Bologna per i 60 anni di Paolo Fresu

“Negli ultimi anni abbiamo lavorato molto in tutta la regione Emilia-Romagna e particolarmente a Bologna, trovando un ambiente estremamente dinamico e interessante. Il nostro obiettivo è che Big possa diventare una casa per le startup e un elemento di collegamento con tutti quelli che sono sul campo per l’innovazione”, aggiunge il presidente di Tecnogarage, Gianluca Dettori. “Mentre continuiamo a combattere la pandemia e siamo impegnati 24 ore al giorno nella campagna vaccinale, è necessario essere già al lavoro per immaginare le nostre comunità alla fine di questo incubo, facendoci trovare pronti al momento della ripresa. Stiamo investendo molto nelle nuove tecnologie e nei big data, favorendo la nascita di incubatori e rafforzando la rete dei tecnopoli, a partire da quello di Bologna che si propone come la vera Data Valley italiana. Questo progetto rientra a pieno merito in questa visione di sviluppo e di futuro”, riconosce il presidente della Regione, Stefano Bonaccini.

“Una nuova finestra sull’open innovation che si apre in città e che grazie al contributo di Fondazione Carisbo, riporta al centro la scommessa fatta di innovazione e contaminazione intelligente continua nel tempo”, evidenzia il numero uno di Confindustria Emilia, Valter Caiumi. “Un’ottima notizia che ci conferma quanto questo territorio sia pronto a ripartire al pieno delle sue potenzialità. Aggiungo anche la soddisfazione perché questo nuovo luogo di impulso all’imprenditoria giovanile si trova in un quartiere che negli ultimi anni ha dimostrato di essere molto attrattivo e dove ci saranno occasioni di scambio e di rete con Boost Innovation Garage”, sottolinea il sindaco di Bologna, Virginio Merola. “Negli ultimi anni abbiamo messo a punto una strategia dedicata con azioni che sono diventate per molti attori un punto di riferimento. Molte di queste azioni sono sviluppate in collaborazione con Almacube. La presenza di Big come luogo aperto alla contaminazione e collaborazione rappresenta un’ulteriore opportunità per tutta la nostra comunità e i nostri studenti”, prevede il rettore dell’Alma Mater, Francesco Ubertini.

LEGGI ANCHE: La vespa samurai protagonista della lotta alla cimice asiatica in Emilia-Romagna

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»