Stellantis, Elkann e Tavares visitano lo stabilimento di Melfi

stellantis_tavarres_Elkann (1)
"Auspichiamo confronto continuo" commentano i segretari generali della Cgil Basilicata, Angelo Summa e della Fiom Cgil Basilicata, Gaetano Ricotta
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

POTENZA – “Oggi l’amministratore delegato e il presidente della neonata Stellantis, Carlos Tavares e John Elkann, sono stati in visita allo stabilimento di Melfi.
Riteniamo importante che Melfi sia stato il primo stabilimento ad essere visitato da chi condurra’ la fusione dei due gruppi Fca e Psa in termini industriali”. È quanto affermano i segretari generali della Cgil Basilicata, Angelo Summa e della Fiom Cgil Basilicata, Gaetano Ricotta, che auspicano che questa scelta sia seguita da “un piano industriale declinato in termini di innovazione delle produzioni e di incremento di occupazione, sia per lo stabilimento di assemblaggio che per l’indotto che ne deriva”. Per la Cgil prende il via oggi un percorso che i rappresentanti dell’organizzazione auspicano possa essere basato su “un confronto reale e continuo con le rappresentanze dei lavoratori” e che “possa portare lo stabilimento di Melfi ad essere centro di sviluppo e di ingegnerizzazione per affrontare il processo ormai irreversibile della transizione energetica”.
Nell’attesa di conoscere le linee strategiche del piano industriale e della missione destinata alla Fca di Melfi, Summa e Ricotta confidano nelle dichiarazioni al tavolo nazionale dall’ad Tavares e degli assunti a “realizzare nel futuro prossimo sinergie che non penalizzeranno gli stabilimenti italiani e i lavoratori, impegni sui quali – ribadiscono – la nostra attenzione resta altissima”. Secondo la Cgil “la fusione rappresenta una grande occasione per il rilancio del settore dell’automotive del Paese, dello stabilimento di Melfi e del settore della componentistica dell’ indotto”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»