Tap, al via i lavori per installare la condotta sottomarina

"Vedere sfregiato il nostro mare è un dolore immenso" dichiara alla Dire Gianluca Maggiore, leader del Movimento No Tap
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BARI – A partire da oggi e fino al prossimo tre marzo verranno eseguite “le attività correlate e inclusive dell’installazione della condotta sottomarina con l’ausilio della Castoro sei (nave posatubi semisommergibile della Saipem, ndr) e di rimorchiatori, navi trasporta tubi e navi adibite al trasporto di materiale di progetto”. È quanto si legge in una ordinanza – la numero 4 dello scorso 17 gennaio – emanata dalla guardia costiera di Otranto in cui si rendono noti anche i divieti dinanzi alla costa di San Foca, a Melendugno in provincia di Lecce dove approderà il gasdotto Tap che porterà gas azero in Europa.

Dalla banchina del porto la nave della società Saipem è ben visibile. Nelle prossime settimane sarà vietato “intralciare in qualunque modo le attività delle unità impegnate nel progetto, navigare, ancorare e sostare con qualsiasi unità nautica, praticare balneazione, effettuare attività di pesca e svolgere attività di immersione“.

NO TAP: “VEDERE FREGIATO IL NOSTRO MARE É UN DOLORE IMMENSO”

“Nonostante sia acclarato che Tap stia lavorando senza autorizzazioni, i lavori procedono. Qualcuno dovrebbe avere il coraggio di muoversi, di fare qualcosa. Invece ci siamo sempre e solo noi”. Così alla Dire Gianluca Maggiore, leader del Movimento No Tap che questa mattina è sul lungomare di San Foca, a Melendugno, con lo sguardo rivolto al mare.

A qualche miglio dalla costa salentina c’è la Castoro 6, la nave che Saipem ha inviato per attuare “i lavori più impattanti per il mare: l’installazione di un tubo lungo 110 chilometri. Vedere sfregiato il nostro mare – chiosa – è un dolore immenso”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

21 Gennaio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»